Mi dispiace tantissimo per quanto accaduto. Proprio qualche giorno fa avevo scritto una poesia dedicata “O Pignu” e aspettavo l’occasione per pubblicarla. Non avrei mai immaginato di postarla in questa circostanza, ma la voglio rendere nota come segno di speranza e resilienza.

LA PORTA RI LA LUCI
di Gino Chimenti

A la punta ru paisi,
nta la via di Munchilebbi,
c’è un arvulu anticu,
ca quantu è avutu nun ti ricu.

Lu suli aspetta ogni matina
ca di la Braciara s’abbicina
e chi a picca a picca munta,
finu ad arrivari a la so punta.

Di la nostra storia tistimoni eternu.
Sempri dda’ sta d’estati e di mmernu.
Iddu di ogni lodi e onuri è dignu,
si tratta di lu Pignu.

C’è forsi un partinicotu ca un c’ha passatu sutta?
0 ca unn’ha ghisatu l’occhi pi la so ramagghia viriri tutta?

Taliannu a tia Pignu!
Ognunu t’avissi a pigghiari pi
signu!

Si cocchi cosa nta sta terra arsa arrivau a st’artizza
e nudda cosa la supera pi biddizza,
picchi li figghi ti sti cuntrati
hannu a stari cu l’occhi calati?

Isamu la testa! Criscemu!
E versu lu cielu e lu suli emu!
E, comu lu Pignu, a na sula vuci, divintamu la porta ri la luci!