La vendemmia è agli sgoccioli, mancano solo le ultime raccolte per dire che l’annata è conclusa.Eppure fino a una manciata di decenni fa questo periodo era anche un momento di grande festa per Partinico, che con la “Sagra dell’uva” e con la gara delle botti, si ritualizzava questo momento diventando un momento sia folkloristico che sacro.


Un po di Storia

Cantina Borbonica

Origine del nome Piano del RE  … [Chianurre – Piano del Re ]

Partinico tra Terre e Torri

Distretto di Partinico PA

Distretto di Partinico PA

Col progressivo disboscamento il territorio cominciò ad assumere l’aspetto di una vastissima pianura circondata da torri, per lo più incluse in un sistema di terre fortificate. Queste erano composte da una torre, da case contadine e mura di recinzione, oltre ai magazzini dove venivano riposti i prodotti agricoli. La grande piana arrivava fino a Trappeto, comprendeva Bosco Falconeria, le terre di Albachiara, di cui divennero enfiteuti i marchesi di Villabianca, Ramo (dove trascorreva il tempo estivo il barone Francesco Ramo che, per sua comodità, fece costruire il sontuoso palazzo ora in fase di restauro), contrada Cicala, e molte altre. Alcune di queste contrade presero il nome dai vari personaggi che ebbero in enfiteusi o in gabella le terre; altre presero invece il nome dalle attività che vi si svolsero: di milizie subordinate alle decisioni reali (piano del Re), oppure di lavorazione della terracotta ( piano dell’Inferno). Anche la contrada della Madonna del Ponte prese il nome del legittimo tenutario di quelle proprietà: la famiglia dei Ponte d’Angelo. La costa da San Cataldo a Tappeto era ricca di fornaci per la cottura dell’argilla lavorata e probabilmente a questa attività si lega ancora oggi il toponimo della Ciammarita……. Tratto da www.casarrubea.wordpress.com

La festa dell’uva a Partinico, la prima terra in Sicilia ad avere impiantato il vigneto.

Nel territorio partinicese troverete diverse realtà di produzione vinicola di grande pregio, è stata la prima terra in Sicilia ad avere impiantato un vigneto. Non è un caso che a Partinico sorge la Cantina Borbonica, costruita nel 1800 su un’idea dell’avvocato pugliese Felice Lioy. [maggiori informazioni li troverete sul Blog del Prof. Casarrubea www.casarrubea.wordpress.com .

Cenni storici di Partinico e del suo territorio li trovate sul sito istituzionale del Comune al seguente indirizzo www.comune.partinico.pa.it